Jun 052013
 
Ho appena finito una partita al mitico Breakout... con le immagini di Google! Curiosissima (e stilosa nella realizzazione) l'idea di Big G: se nella stringa di ricerca inserite Atari Breakout e cliccate su Immagini, il vostro browser si trasformerà in una game machine da bar facendovi giocare al mitico muro da abbattere a pallinate. Google Atari Breakout La barra la controllate con il mouse, il divertimento non lo controllerete 🙂 Ataramente Vostro, RoarinPenguin
Dec 252012
 
Prima di tutto un caldissimo ed affettuoso augurio di Buon Natale a tutti i lettori del CuriosBlog.
Grotta di neve e luci a Lainio

Grotta di neve e luci a Lainio

Quindi abbasso subito la temperatura del post 🙂 parlandovi di un posto treschino, mistico e quasi magico. Nel mezzo della Lapponia, a 200 km circa dal Circolo Polare Artico, ogni anno verso fine novembre la quiete della zona viene rotta da un picco notevole di traffico: circa 1000 camion carichissimi di neve dirigono a Lainio, piccola località vicino a Ylläsjärvi, uno dei più grandi laghi della Finlandia. Per costruire il Villaggio di Neve, uno spettacolo di neve, ghiaccio e luci che resta operativo da dicembre a... beh, fin quando inizia a sciogliersi verso primavera inoltrata. Collegatissimo all'aeroporto di Kittilä, è aperto tutti i giorni dalle 10 di mattina alle 10 di sera, dopodiché il villaggio diventa zona esclusiva dei... residenti. Guide, operatori e i temerari che per circa 140 euri a notte decidono di dormire nell'Hotel di ghiaccio. E non preoccupatevi, non si scioglie per un po'... mentre scrivo sul posto ci sono circa -16 gradi 🙂 Invernalmente vostro, RoarinPenguin
 Posted by at 12:42 pm
Nov 052012
 
Il 5 novembre 2006 iniziava questo affascinante esperimento. 6 anni e 642 post più tardi, il CuriosBlog continua ad essere un bellissimo CyberLibro da sfogliare, pieno di curiosità senza tempo e mai obsolete. Grazie a tutti voi Lettori che con le vostre visite quotidiane tenete viva in me la passione per continuare. Affettuosamente Vostro, RoarinPenguin
Aug 312012
 
4 giorni fa era l'ottantesimo anniversario della Lego. Sì, proprio quella dei famoserrimi mattoncini colorati. Pochi sanno che Lego deriva dalle parole danesi "Leg Godt" (giocare bene), anche se in lappone significa mettere cose insieme... tutte queste ed altre interessantissime informazioni nel video che la Lego stessa ha pubblicato per celebrare l'evento. E' bellissimo, dura meno di venti minuti e merita un posto d'onore negli annali del CuriosBlog.   Mattoncinamente vostro, RoarinPenguin
Jun 252012
 
Giugno. Caldo. Voglia di mare. Ma non solo. Forse una gita fuori porta. Forse un weekend. Ma dove? Questa la possibile discussione di una famiglia nord-italiana di questi tempi. Quindi si inizia con andiamo al mare, ma c'è coda sull'A1 o A14, allora andiamo in liguria, si ma dove, magari Firenze, no troppo caldo... allora Roma, ma è lontana. La cosa curiosa è che pochi pensano a Venezia lontano dal Carnevale. Quasi come se tutto si risolvesse lì, in quei pochi giorni in cui la città muore di turisti e maschere. Sono stato molte volte a Venezia, che trovo una delle città più curiose e mistiche del mondo; da cui un posto nel CuriosBlog, perché questo post vacanzier-riflessivo venga ricordato negli annali 😉 E molte ci tornerei, con una formula che trovo speciale, economica, perfetta per conoscere questa incredibile città. Si parte in auto o treno, si cerca un hotel a Venezia o dintorni con un servizio online tipo Venere, tanto per risparmiare il giusto con offerte comparative e si stima una durata della gita da sabato mattina presto a domenica sera sul tardino. Andare a Venezia non significa solo visitare una città d'arte. Significa immergersi in un posto unico, dove la vita gira a un ritmo che per molti (figuratevi per un milanese) è quasi inconcepibile. Dove persino i corrieri espressi vanno tranquilli con i loro barconi sul Canal Grande, dove affacciandosi alla finestra la mattina potresti veder passare un Gigi Riva in legno lucidissimo, una gondola a remi o una nave da Crociera alta come un palazzo. Dove passato e presente si mischiano alla perfezione per regalare ad ognuno una sensazione unica. Le curiosità e i posti mitici (e mistici) che Venezia offre sono troppissimi per elencarli in un post breve come questo... e vanno scoperti in base a quello che si vuole fare. Magari con l'aiuto di un'app per avere tutte le info che servono a portata di iPhone. Sarà che un quarto di me è Venessian, ma volendo fare una gita di un weekend avrei pochi dubbi... Cannaregiamente vostro, RoarinPenguin
 Posted by at 1:57 pm
May 092012
 
Secondo una recente analisi dell'Università di Liverpool riportata da Reuters, vivere nel Mesozoico non dev'essere stato proprio uno spettacolo 😉 Le mucche del tempo infatti, tipo dinosauri, flatulenzavano a nastro con autoreverse... e proprio tali flatulenze sembra siano state tra le cause principali del surriscaldamento del pianeta. Nella loro profumata analisi, Dave Wilkison e Graeme Ruxton sostengono che dato il peso piuma di una ventina di tonnellate degli antichi ruminanti e la loro diffusione sul pianeta, il totale emissioni di metano dagli enormi orifizi possa essere stimato in 520 millioni di tonnellate all'anno. Paragonate a una quantità odierna da 50 a 100 milioni originata dai moderni bovini... e affini. Direi che tutto sommato stavano al calduccio, se non ci formalizza troppo sulla qualità aromatica dell'aria. Profumatamente vostro, RoarinPenguin
 Posted by at 6:21 am
May 072012
 
Molto curiosa e un filino geek l'idea di Zipwhip per pubblicizzare i loro messaggi nella nuvola! Mettendo insieme una macchina del caffè, tre controller Arduino, un po' di Javascript e una accozzaglia di altre cose hanno creato la Textpresso. Una macchina del caffè che, sulla schiumina, ti scrive quello che vuoi... ovviamente dalla nuvola. E pensano persino di renderla.... opensource. La modifica della mia Nespresso seguirà a breve 😉 Non ci credete? Guardatevi questo video: Textualmente Vostro, RoarinPenguin
 Posted by at 9:45 am
Mar 122012
 
Nell'era dell'esasperazione tecnologica, ecco un esperimento che vale la pena di menzionare nel CuriosBlog. Curioso, non anacronistico come potrebbe sembrare, interessante al punto da costituire un oggetto di studio per universtià ed analisti finanziari. Sto parlando del Sardex, un sistema di gestione del credito diffuso localmente in Sardegna. Una sorta di sistema di prestiti unito al baratto "on steroids". Illustrato da un video che accoglie il visitatore del sito con inconfondibile accento locale, spiegando il principio di funzionamento e i vantaggi del meccanismo con una chiarezza e una semplicità che non ho visto spesso... Ad una prima reazione di incredulità è seguita una rivisitazione e un approfondimento delle pagine del sito. Certo, una diffusione più ampia sarebbe improponibile (o no?), intanto gli ideatori sono stati premiati dallo IED e l'idea è oggetto di studio da più parti. Quattro ragazzi sardi, un'idea neppure troppo nuova, una buona dose di innovazione, un pelo di tecnologia... ed ecco che il Sardex in tre anni conta oltre 400 aziende affiliate e una percentuale di abbandono inferiore al 5%. Non male, non male davvero... in tempi di crisi, la proposta sembra tutt'altro che utopica. Sicuramente il sito, ben realizzato semplice e molto fruibile, vale una visitina... quindi... ajò! Sardamente vostro, RoarinPenguin