RoarinPenguin, Marco Rottigni, CuriosBlog, Curiosità
Dec 142008
 

mindreader-book Che fosse un popolo un filino più avanti del resto di noi (almeno su certe cose) ne avevo avuto sentore, ma la notizia pubblicata ieri da Repubblica supera ogni fantascientifica immaginazione!

I Laboratori di Neuroscienza Computazionale (ATR) di Kyoto in Giappone sono riusciti a rappresentare graficamente nientepopodimeno che... quello che pensiamo!

L'idea è di utilizzare un macchinario per la risonanza magnetica per analizzare i cambiamenti nel flusso sanguigno nel soggetto che sta pensando.

Finora la ricerca è stata condotta basandosi su qualche centinaio di immagini in bianco e nero di 10x10 pixel, ma i risultati sono a dir poco stupefacenti e potrebbero portare in futuro alla rappresentazione di sogni e immagini complesse.

Quindi... occhio a fare sogni particolarmente piccanti 😉

Neuronalmente Vostro,

   RoarinPenguin