Jan 062007
 

RandomQuotes.orgBella l’idea di questo sito che vi consiglio di visitare ogni mattina prima di iniziare a lavorare…

E’ un sito che randomicamente seleziona una massima (in inglese) al giorno.

E se quella del giorno non vi piace, beh… potete sempre cliccare su “refresh” per averne subito un’altra 😉

Una che ho trovato e che mi piace tanto da riportarla qui (anche se la traduzione non rende la musicalità dell’originale) è:

“Smettila di chiedere cosa porterà il domani. Fermati e goditi ogni giorno che la Fortuna concede.” – Horace (traduzione by RoarinPenguin)

RoarinPenguin

 Posted by at 10:44 pm
Jan 062007
 

Logo del sito CaraBefana.itIn occasione della nota festività, ho trovato in un angolino della Grande Rete una bella descrizione elle origini della tradizione, di cui riporto uno stralcio:

“la parola epifania deriva dal latino “epiphania(m)”, che a sua volta deriva dal greco “tà epiphan(e)ia” e che significa “le manifestazioni della divinità”. Nella liturgia cristiana passò a significare “la manifestazione di Gesù agli uomini come Messia”, e secondo un’antica tradizione Gesù apparve agli uomini come Figlio di Dio nel medesimo giorno (6 gennaio) ma a distanza di anni, con tre episodi miracolosi: con la stella che guidò i Re Magi, con il battesimo nel Giordano e con la trasformazione dell’acqua in vino nel giorno delle nozze di Cana. Originariamente la Chiesa celebrava questi tre miracoli nel giorno dell’Epifania, ma con l’andar del tempo la festa dell’Epifania finì col ricordare solo la venuta e l’adorazione dei Re Magi, proprio come si ritrova nella traduzione letterale olandese.

Ma che cosa ha a che vedere l’Epifania con la Befana? La risposta è molto semplice: Befana non è altro che la forma dialettale di Epifania. Si può dire, che “Epifania” fu quasi sempre e solo il nome letterario della festa, il nome colto e poco usato; nel corso del tempo la parola si trasformò, si deformò nei vari dialetti. Così i toscani chiamarono l’Epifania “Befania”, i romani la dissero “Pasqua Befania”, i pugliesi “Pasqua Befanì”, i calabresi “Bifania” o “Bufania”, i bolognesi “Epifagna”, e così via.

Ma chi è la Befana? L’enciclopedia Treccani ne dà la seguente definizione: è per il popolo un mitico personaggio in forma di orribile vecchia, che passa sulla terra dall’1 al 6 gennaio. Nell’ultima notte della sua dimora il mondo è pieno di prodigi: gli alberi si coprono di frutti, gli animali parlano, le acque dei fiumi e delle fonti si tramutano in oro. I bambini attendono regali; le fanciulle traggono al focolare gli oroscopi sulle future nozze, ponendo foglie di ulivo sulla cenere calda; ragazzi e adulti, in comitiva, vanno per il villaggio cantando…in alcuni luoghi si prepara con cenci e stoppa un fantoccio e lo si espone alle finestre…I contadini della Romagna toscana sogliono invece portarlo in giro sopra un carretto, con urli e fischi, fino alla piazzetta del villaggio, ove accendono i falò destinati a bruciare la Befana…Gli studiosi vedono nel bruciamento del fantoccio (la Vecchia, la Befana, la Strega), che persiste un po’ da per tutto in Europa, la sopravvivenza periodica degli spiriti malefici, facendo risalire il mito della befana a tradizioni magiche precristiane…
Per meglio capire la figura di questa vecchia, dobbiamo così andare indietro nel tempo fino al periodo dell’antica Roma. Già gli antichi Romani celebravano l’inizio d’anno con feste in onore al dio Giano (e di qui il nome Januarius al primo mese dell’anno) e alla dea Strenia (e di qui la parola strenna come sinonimo di regalo). Queste feste erano chiamate le Sigillaria; ci si scambiavano auguri e doni in forma di statuette d’argilla, o di bronzo e perfino d’oro e d’argento. Queste statuette erano dette “sigilla”, dal latino “sigillum”, diminutivo di “signum”, statua. Le Sigillaria erano attese soprattutto dai bambini che ricevevano in dono i loro sigilla (di solito di pasta dolce) in forma di bamboline e animaletti. Questa tradizione di doni e auguri si radicò così profondamente nella gente, che persino la Chiesa dovette tollerarla e adattarla alla sua dottrina.”

Il resto della bella e completa descrizione lo trovate su CaraBefana.it.

Tanti auguri a tutte le Befanone 😉

RoarinPenguin

 Posted by at 10:31 pm
Jan 052007
 

Internet ExploderRischia di diventare davvero un’espressione di uso comune per indicare un software che con la sicurezza informatica non ha davvero nulla a che vedere.

Il security blogger Brian Krebs ha pubblicato un’articolo in cui sostiene che Internet Explorer sia rimasto esposto a falle di sicurezza informatica per 284 giorni solo nel 2006 (che significa oltre 9 mesi su un anno!!!)

Abbastanza sconvolgente, considerato che gli utenti di Internet Explorder sono circa l’80% della comunità online mondiale (anche se la fetta è in rapidissima riduzione).

Il browser alternativo più diffuso, Mozilla Firefox, ha avuto nello stesso periodo problemi di sicurezza per solo 9 giorni su tutto il 2006.

Io se fossi in voi adotterei Mozilla… Voi che dite?

Buona navigazione sicura.

RoarinPenguin

 Posted by at 12:04 am
Jan 042007
 

La partoriente robot Noelle in azioneQuesta è l’idea degli studenti di ginecologia del Kyunghee University Medical Center di Seoul.

Per fare pratica senza utilizzare partorienti umane hanno utilizzato Noelle, un robot a grandezza naturale, che partorisce un baby robot.

Il robottino neonato è dotato di luci per indicare lo stato di salute: luci blu indicano problemi e luci rosa indicano che va tutto bene…

…e quando sentono puzza gli cambiano l’olio magari… mah… a volta la tecnologia va tenuta a freno… o forse vanno tenuti a freno i coreani 😉

Un salutone,

RoarinPenguin

 Posted by at 11:48 pm
Jan 032007
 

Ecco un servizio veramente curioso e innovativo!

Il servizio offerto da e-Machine Shop permette di disegnare un pezzo in CAD su web grazie al loro software (gratuito) e di riceverlo a casa realizzato nel materiale prescelto (legno, metallo, ecc.) Design di oggetto

E chi pensa che utilizzare un software CAD (Computer Aided Design) non sia banale dovrà ricredersi, visto che i signori di eMachine dedicano una sezione a tutorial e guide sia documentali che audio in modo che il servizio sia fruibile davvero da molti.
L'inziativa e' pensata per tutti coloro che non hanno un master in Autocad, ovvero, per persone comuni senza particolare esperienza nel settore. E il software include anche il calcolo del costo in base a dove siete e al materiale che avete scelto per la realizzazione del pezzo.
Pochi click e il gioco è fatto: il pezzo vi verrà recapitato a casa tramite corriere!Esempio di realizzazione eMachine Shop

Certo che la tentazione di realizzarmi un gadget tutto mio è forte…

Progettualmente Vostro,

RoarinPenguin

 Posted by at 12:00 am
Jan 012007
 

Il Club dei Buoni Posti

Segnalo un sito davvero interessante, riportando la definizione che appare in Home Page di BuoniPosti.it:

” Nel Club dei Buoni Posti puoi trovare segnalazioni e recensioni di buone trattorie, ristoranti, alberghi ameni a prezzi convenienti, onesti vignaioli, chicche e rarità da tutte le regioni italiane.”

Direi che vale assolutamente la pena di inserirlo nei bookmark, vista la struttura semplice, ben fatta e assolutamente priva di pubblicità commerciale del sito.

E ovviamente l’invito è a contribuire con informazioni “dal campo”.

Buon appetito,

RoarinPenguin

 Posted by at 11:46 pm
Jan 012007
 

Dexteron Home CinemaIl prezzo non lo conosco, ma la soluzione proposta dall’azienda tedesca Dexteron è davvero curiosa ed interessante… e visto che fuori fa freddo si potrebbe inaugurare il nuovo anno con questo regalino niente male: il letto home cinema.

Con schermo che compare ai piedi del letto, videoproiettore integrato nella testata ed home theater incluso, l’esperienza di vedere un film nel Dexteron Ruf Cinema potrebbe essere davvero esaltante!

Se qualcuno riesce a recuperare il prezzo, posti pure un commento… se qualcuno lo compra, eviti il commento per evitare moti di invidia rossa 😉

Buona visione (e buon 2007),

RoarinPenguin

 Posted by at 11:27 pm